Vacca - Corvetto

La città è maledetta, c'è gente di merda che gira per strada
Noi siamo randagi perché abbiamo perso la strada di casa
Piazzale Corvetto, piazza Gabrio Rosa, piazzale Ferrara
Tra pozze di sangue e pantaloni a strisce, qui striscia di Gaza
Nda città peri peri m'attrovi ppi strada cappeddu e bossellu
Catena ndo coddu ca pari ncollari ri ncani violento
Furìu nde quatteri, mi volunu beni picchì rappresentu
Vini non n'haiu, ju appostu re vini aiu maneddi ro centru

Pronto ad un altra battaglia, ogni giorno apro gli occhi e riinizia la guerra
Cinque minuti QG, cinque minuti così sono cinque minuti di merda
Icaro mandala ancora, soltanto altri cinque minuti di prova
Dopodiché parto e non smetto fino a quando Biggie non dice che la traccia è buona
Mi succhiano il cazzo, mi prendono le palle in bocca
Sono nato pronto, bro sotto a chi tocca
La base è pulita, il linguaggio un po' meno, vi lascio una fetta e mi prendo la torta
Sono il più educato tra i maleducati, oro a 18 carati
In zona ho famiglia, fratelli, soldati, siamo in 500 tra membri e affiliati
Porto il nome del blocco in giro in Italia
Nessuno ci tocca nessuno ci taglia
QG se minacci poi finisce sempre che ti ritrovi qualcuno dentro casa
Meglio il silenzio (meglio il silenzio)
Fatti una vita o fatti dei tatuaggi
Meglio se non ti fai i cazzi degli altri
Che QG magari campi altri 100 anni

Eroe come Ulisse, fanculo alle stelle e le strisce
Speravo solo qualcuno mi capisse prima di scatenare l'apocalisse
La nostra è la storia più gangsta che tu abbia potuto vedere in Italia
Chiama i servizi segreti per scoprirlo, non sarò di certo io a dirlo


La città è maledetta, c'è gente di merda che gira per strada
Noi siamo randagi perché abbiamo perso la strada di casa
Piazzale Corvetto, piazza Gabrio Rosa, piazzale Ferrara
Tra pozze di sangue e pantaloni a strisce, qui striscia di Gaza
Nda città peri peri m'attrovi ppi strada cappeddu e bossellu
Catena ndo coddu ca pari ncollari ri ncani violento
Furìu nde quatteri, mi volunu beni picchì rappresentu
Vini non n'haiu, ju appostu re vini aiu maneddi ro centru

Anni '90, romantici in passamontagna
Chiamate sì dalla cabina così non risalgono al tipo che parla
Completo firmato di tuta, voglio i polsini anche nelle caviglie
Voglio passare dal cibo di strada a tocchetti di spada dentro le conchiglie
Fra la mia gente lavora ogni giorno
Non è il papino che sgancia stipendi
Tu si chinu chinu e ti teni ppi tìa
Cu quali coraggio poi cunti lamenti
V'appennu nda minchia macari ccu n'euru
T'allinchi sacchetti , ju m'allinchiu u cori
Carusi nda machina che me canzuni si fanu stampari tutti i me paroli
Mi fumo questa sigaretta, aspetto l'amico che passa
Pensando che i più talentuosi metà della vita la passano in piazza
Ricordo che gli appuntamenti non li facevamo, si sapeva il posto
A scuola non stavo composto, piedi sul tavolo e litri d'inchiostro
Come posso, dimenticare, la città natale che mi ha reso grosso
Ogni persona e ogni personaggio senza luogo fisso e con due canne addosso
Quel modo di fare che contraddistingue frate uno qualunque da un meridionale
Chi ha fame fra sì dà da fare, chi ha tutto sta solo a parlare

La città è maledetta, c'è gente di merda che gira per strada
Noi siamo randagi perché abbiamo perso la strada di casa
Piazzale Corvetto, piazza Gabrio Rosa, piazzale Ferrara
Tra pozze di sangue e pantaloni a strisce, qui striscia di Gaza
Nda città peri peri m'attrovi ppi strada cappeddu e bossellu
Catena ndo coddu ca pari ncollari ri ncani violento
Furìu nde quatteri, mi volunu beni picchì rappresentu
Vini non n'haiu, ju appostu re vini aiu maneddi ro centru

Lyrics licensed by LyricFind